mer 06.11 ore 21

la scuola delle mogli

di Molière
con Arturo Cirillo, Valentina Picello,
Rosario Giglio, Marta Pizzigallo, Giacomo Vigientini
regia Arturo Cirillo

Marche Teatro, Teatro dell’Elfo,
Teatro stabile di Napoli


La scena si svolge in una piazza, come in una città ideale, dove al centro vi è una casa girevole, al cui interno possiamo vedere una scala che porta ad una camera che è anche una cella. L’azione avviene nello spazio tra questa casa ed un’altra, che non vediamo, appartenenti entrambe al protagonista, il quale si fregia di un doppio nome e di una doppia identità, come doppia è la sua natura. Spietato cinico, ma anche un innamorato ossessivo, un indefesso fustigatore delle debolezze altrui come anche una fragilissima vittima del proprio gioco. Al centro una giovane donna, cavia di un esperimento che solo una mente maschilista e misantropica poteva escogitare: è stata presa da bambina, orfana, e poi lasciata nell’ignoranza di tutto per poter essere la moglie ideale, vittima per non dire schiava, del futuro marito che la dominerà su tutti i piani, economici, culturali e psicologici.